miércoles, 21 de febrero de 2018

"Istituti Italiani in Argentina. Il Circolo Italiano di Buenos Aires", de Ugo E. Imperatori (1931)





«Nel cuore della Capitale argentina, in quella Calle Florida che ne è la più elegante arteria, ha la propria sede magnifica il Circolo Italiano.
Non si trata d’un elegante piano terreno, nè d’un apartamento di quattro sale, che raccolga i soci dell’antica istituzione: ma d’un solemne edificio di dodici piani che s’eleva su di una superficie di milleduecento metri quadrati, all’angolo in cui Calle Florida s’incrocia con la Calle Corrientes, tumultuosa di traffici. Il Circolo stesso è propietario dell’edificio solemne, il quale è interamente destinato alla vita dei soci e degli ospiti: poichè esso contiene sale di riunione e sale da gioco, biblioteca e sale di lettura, sale di scherma e ginnastica e stanze da bagno, cinematrografo e ristorante, sale da bigliardo e salotti per le signore, ed appartamenti destinati ad ospitare le personalità italiane più insigni che vanno ad onorare il nome della Patria in Argentina.
Il grandioso ambiente è arredato con ottimo gusto: uomini ed evento d’Italia vi son presenti allo spirito nelle numerose opere d’arte diffuse per le sale. Nelle sale di lettura, giornali e periodici italiani costituiscono la più abbondante dotazione dell’emeroteca: e le Riviste del nostro Touring vi son ricercate avidamente dai soci.
La biblioteca s’è arricchita, da pochi anni, dei volumen numerosi che ad essa donò una delle più belle figure della nostra collettività di Buenos Aires, l’avvocato Giovanni Rolleri, morto nello scorso anno: il quale – animatore d’ogni bella iniziativa d’italianità nella capitale argentina – volle che al massimo centro di convegno degli Italiani e dei figli d’Italiani la propria ricca biblioteca dicesse ancora parole animatrici dopo la norte di lui.

*
*  *

Il Circolo Italiano di Buenos Aires fu fondato nel 1873; ed ebbe un primo periodo d’intenso sviluppo dal 1880, cioè da quando si fuse col “Circolo Vittorio Emanuele”. Fin d’allora le figure nostre più rappresentative nelle arti, nelle industrie e nei commerci convennero abitualmente al Circolo, il quale ebbe e mantenne sempre fede al più semplice dei programmi: tener sempre viva negli Italiani e nei loro discendenti la fiamma dell’italianità, stringendo in continui e cordiali rapporti di convivenza e di frequenza i soci sempre più numerosi dell’associazione.
Così, per otre mezzo secolo, i nostri maggiori politici, letterari, scienziati, artisti che si recarono in Argentina furono graditi e grati ospiti del Circolo Italiano, ove tennero conferenze e presenziarono riunioni, ispirate alla tradizionale esaltazione dei valori della Patria italiana.
La buona tradizione è continuata ininiterrotta fino ad oggi: per essa furono festeggiati con particolare entusiasmo i Principi di Casa Savoia – il Duca degli Abruzzi, il Principe di Udine, il Principe Aimone – che successivamente dimorarono, graditissimi ospiti, a Buenos Aires.
Ed un Principe di Casa Savoia – Umberto, erede del Trono – inaugurò nel 1924 il nuovo edificio grandioso di Calle Florida, fra l’esultanza dei Soci e della Colonia italiana.»

Ugo E. Imperatori, «Istituti Italiani in Argentina. Il Circolo Italiano di Buenos Aires», en VIAL 8,  agosto 1931.

Imagen: Circolo Italiano di Buenos Aires – Piano nobile: sale per le signore.

No hay comentarios:

Publicar un comentario